Preparare un colloquio di promozione interna con il tuo datore di lavoro

Preparare un colloquio di promozione interna con il tuo datore di lavoro

Come preparare un colloquio di promozione interna con il tuo datore di lavoro?

In questo articolo, scoprirai come preparare un colloquio di promozione interna con il tuo datore di lavoro.

Prepararsi a questo tipo di colloquio richiede di identificare e di seguire una strategia che ti permetta di raggiungere un accordo che sia tanto vantaggioso per te che per il tuo datore di lavoro.

Seguendo i nostri suggerimenti, potrai massimizzare le tue possibilità di ottenere una promozione interna che soddisfi le tue esigenze, abilità e valori.

Se stai cercando consigli efficaci per preparare efficacemente un colloquio di promozione interna, scopri ora i punti chiave che tratteremo in questo articolo.

Ecco le diverse parti di questo articolo:

  1. Preparati alla negoziazione
  2. Capisci le esigenze della tua azienda
  3. Verifica se una negoziazione è possibile e quali punti sono negoziabili
  4. Definisci i tuoi obiettivi e ciò che sei disposto a negoziare
  5. Rispondi alle obiezioni del tuo datore di lavoro per convincerlo
  6. Offri soluzioni vincente-vincente per soddisfare le esigenze aziendali
  7. Preparati a rifiutare una promozione interna insoddisfacente
  8. Approfitta della tua esperienza in termini di negoziazione di una promozione interna

Non perdere tempo e scopri subito i nostri consigli!

Preparati alla negoziazione

Prepararsi per la negoziazione implica di aprire la propria immaginazione a ciò che potrebbe accadere prima di ottenere una promozione interna. In questa prima fase, è importante visualizzare come organizzare le interviste di promozione interna.

Il successo di questi colloqui dipende dalla qualità della tua preparazione. Ogni colloquio dovrebbe aiutarti ad avvicinarti ai tuoi obiettivi e a restare concentrato su ciò che è importante per la tua attività.

Devi dimostrare di comprendere i loro bisogni e di essere pronto ad aiutarli senza accettare immediatamente ciò che vogliono e senza pretendere che il tuo datore di lavoro soddisfi immediatamente le tue esigenze.

Riassumendo, dimostra che sei disposto a trovare un accordo reciprocamente soddisfacente.

Alla fine di ogni incontro, poniti delle domande per capire se il colloquio è stato produttivo e se ha permesso a entrambe le parti di muoversi verso una soluzione equa.

Se la comunicazione con la tua azienda non è produttiva, cerca di capire che cosa hai bisogno di cambiare per muoverti nella direzione dei tuoi obiettivi considerando anche le esigenze della tua azienda.

Dopo ogni colloquio, prepara una sintesi della riunione e invialo alla tua azienda indicando lo stato attuale della trattativa, le tue proposte per superare eventuali discrepanze e i punti successivi che vorresti affrontare.

In questo modo potrai formalizzare gli scambi e confermare il tuo impegno per trovare un accordo adeguato.

Capisci le esigenze della tua azienda

Il tuo obiettivo è dimostrare di essere una persona di mentalità aperta e di essere completamente motivato per comprendere le esigenze della tua azienda.

Se dubiti della tua capacità d’ascolto, puoi servirti dell’ascolto attivo o ascolto empatico come è stato definito dal grande psicologo americano Carl Rogers.

Ascoltare attivamente richiede di essere estremamente presente durante la comunicazione con il tuo interlocutore.

Il primo obiettivo dell’ascolto attivo è capire il punto di vista del tuo interlocutore senza permettere alla tua mente di influenzare la percezione di ciò che hai capito.

Per comprendere una persona, quindi, è necessario mettere da parte la tua visione del mondo per entrare nel mondo dell’altra persona.

Questo consiste nel rinunciare temporaneamente a ciò che è importante per te per capire cosa è importante per l’altra persona.

Praticare l’ascolto attivo in modo efficace non è facile e richiede una grande pratica.

Se tuttavia vuoi diventare un miglior comunicatore, l’ascolto attivo è uno strumento di comunicazione a cui non puoi rinunciare.

Ascoltare attivamente consente di comunicare a un livello comunicativo molto più profondo.

Ascoltando la persona di fronte a te e riformulando ciò che ti dice, creerai una profonda connessione con lei.

Quando l’altra persona percepisce che la stai ascoltando e la capisci, si sente immediatamente più vicina a te e tutte le barriere mentali che possono influenzare la comunicazione scompaiono improvvisamente.

Non sei più un avversario e diventi un partner!

Per questo motivo, per comprendere le esigenze della tua azienda, puoi utilizzare l’ascolto attivo.

Un altro vantaggio dell’ascolto attivo è che ti consente di porre domande di migliore qualità, in altre parole, domande che il tuo datore di lavoro non si è ancora posto.

Inoltre, se sei in grado di rispondere efficacemente a queste domande prima di lui, è probabile che tu ottenga una promozione interna accettabile.

Verifica se una negoziazione è possibile e quali punti sono negoziabili

Identificare le esigenze della tua organizzazione ti permetterà di porre domande per capire se una negoziazione è possibile e per vedere cosa puoi veramente negoziare.

Un errore comune a questo punto è pensare che il tuo capo sia già pronto a negoziare.

Il tuo datore di lavoro può esporti una serie di esigenze talmente importanti da poterti convincere della sua immediata voglia di arrivare a una negoziazione.

Tuttavia, è del tutto possibile che la tua azienda mantenga per sé le esigenze più importanti o che non percepisca i suoi bisogni principali.

In questo senso, organizzare un colloquio di promozione interna richiede di preparare in anticipo una serie di domande che consentano alla tua ditta di diventare consapevole delle proprie esigenze.

Per riuscirci, devi incontrare tutte le persone con le quali avrai bisogno di collaborare nel tuo futuro lavoro.

Non accontentarti delle loro risposte e concentrati sulla comunicazione non verbale perché ti permetterà di evidenziare i bisogni reali che potrai utilizzare per trarre il meglio dai colloqui successivi.

La raccolta di tutte queste informazioni ti consentirà di comprendere meglio le reali esigenze della tua azienda e le sfide del tuo futuro posto di lavoro.

In questo modo sarai in grado di fare buone domande per testare le tue ipotesi e fare proposte al tuo datore di lavoro.

Definisci i tuoi obiettivi e ciò che sei pronto a negoziare

Adesso possiedi una comprensione più specifica delle esigenze della tua azienda, delle tue future sfide di lavoro e di ciò che è negoziabile.

Ora è necessario definire gli obiettivi che desideri raggiungere alla fine di questa negoziazione per un nuovo impiego.

Poniti delle domande per capire se questo nuovo lavoro ti consentirà di soddisfare le tue esigenze lavorative e personali.

Questa promozione ha davvero senso per me?

Quali sono le principali difficoltà di questo nuovo lavoro?

Quali nuove competenze dovrò sviluppare per avere successo in questo nuovo impiego?

In che modo questa posizione influenzerà la mia vita privata?

Quale stipendio sono disposto ad accettare per questo tipo di lavoro?

Quale sarà il prezzo da pagare se accetto questo lavoro?

Questo lavoro è davvero in linea con i miei valori più importanti?

Vale davvero la pena accettare questa promozione o è meglio rifiutare questa proposta?

Rispondere a queste domande ti aiuterà a capire che cosa è negoziabile per questo posto è ciò che non lo è.

Se questo lavoro rispetta i tuoi valori e soddisfa i tuoi bisogni, allora questa promozione è esattamente ciò di cui hai bisogno, altrimenti dovresti rifiutarla.

Rispondi alle obiezioni per convincere il tuo datore di lavoro

Durante la trattativa, prima o poi sarai confrontato alle obiezioni.

Esistono diversi modi per gestire le obiezioni.

Ciò che è certo è che se non le gestisci al meglio, non otterrai ciò che desideri.

Ecco solo un esempio di come gestire un’obiezione sullo stipendio che vorresti ricevere.

Il tuo datore di lavoro è interessato alle tue capacità ma non è pronto a darti lo stipendio che chiedi.

Anche in questa situazione, cerca ascoltare ancora meglio il punto di vista della tua azienda e fai delle domande che permettano di chiarire le motivazioni del tuo datore di lavoro.

È possibile che il tuo interlocutore non sia in grado di valutare il valore che puoi portare alla tua azienda.

Puoi mostrargli come contribuirai al successo della tua ditta fornendo esempi concreti dalla tua comprensione dei bisogni aziendali.

Se non sei sicuro di ciò che dici, fai delle ipotesi o mostra ciò che hai capito sulle esigenze della tua organizzazione.

Ecco un breve esempio:

la mia conversazione con Signor … mi ha fatto capire che avete questo tipo di bisogno, se la mia comprensione è buona, penso che sarò in grado di aiutarvi a risolvere questo problema in questo modo e che vi permetterò di risparmiare … euro nei tre prossimi anni.

Questo piccolo esempio ti consente di utilizzare un effetto di contrasto.

In tal modo, dimostri che i vantaggi che sei in grado di fornire alla tua azienda vanno ben oltre lo stipendio che chiedi.

Proponi soluzioni vincente-vincente per soddisfare le esigenze della tua azienda

Se la tua azienda capisce il tuo valore, allora sei sulla buona strada per ottenere una promozione interna di qualità.

Come primo passo, ascolta le proposte del tuo datore di lavoro e invitalo a fare il primo passo.

Non accettare un accordo verbale e chiedi di ricevere una proposta scritta. Se riesci a ottenerla, non accettarla e prepara una proposta di miglior qualità sia per te che per il tuo datore di lavoro.

Fare questo ti permetterà di proporre soluzioni vantaggiose per tutti.

Se riesci a trovare un accordo reciprocamente vantaggioso, avrai tutte le possibilità di ottenere una promozione interna che corrisponda al tuo vero valore.

Per proporre soluzioni vincente-vincente usa la tua immaginazione posizionandoti mentalmente in tre posizioni:

  • La tua posizione
  • Quella della persona con cui stai parlando
  • Quella di un osservatore neutrale

Ciò contribuirà a ridurre la tua soggettività e ti permetterà di trovare soluzioni migliori per la tua azienda e per te stesso.

Preparati a rifiutare una promozione interna insoddisfacente

Se nonostante tutti i tuoi sforzi, non riesci a trovare un accordo reciprocamente soddisfacente, è meglio rifiutare l’offerta del tuo datore di lavoro.

Resta in buoni rapporti ma non accettare questa promozione.

Se sei una di quelle persone che hanno difficoltà a dire no, probabilmente hai bisogno di rinforzare la tua autostima per farti valere di più.

Se hai paura della reazione del tuo datore di lavoro, concentrati sulle conseguenze dell’accettare un accordo ingiusto per la tua salute, la tua famiglia, la tua carriera, ecc.

Indipendentemente dalla situazione in cui ti trovi, non accettare un accordo insoddisfacente.

Trai vantaggio della tua esperienza in termini di negoziazione di una promozione interna

 Alla fine, ciò che conta di più in questa trattativa è ciò che hai imparato.

Che cosa hai imparato sulla tua azienda?

Cosa hai imparato su te stesso?

Che cosa hai bisogno di cambiare per diventare un negoziatore migliore?

Hai appena scoperto come preparare un colloquio di promozione interna con il tuo datore di lavoro.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo ora sui social network et su quelli professionali.

Se hai delle domande, scrivici utilizzando il nostro modulo di contatto o parla adesso con un career coach.

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt
0