Fiducia in se stessi

Fiducia in se stessi

La fiducia in se stessi è una capacità che si può sviluppare decidendo di crescere come persona. Sviluppare la fiducia in se stessi è la qualità fondamentale di tutte le persone che realizzano dei grandi risultati, malgrado le mille avversità che la vita gli propone ogni giorno. 

Le persone che hanno fiducia nelle loro capacità riescono dove altre persone generalmente falliscono, perché sviluppano la convinzione che possono farcela e perché agiscono più efficacemente degli altri.

Queste persone sono sicure di farcela e questa loro convinzione li spinge a muoversi verso realizzazioni che per la maggior parte delle persone resteranno solo dei sogni.

Avere fiducia in se stessi permette di superare la paura del fallimento e di sperimentare una libertà mentale senza limiti. 

Fiducia in se stessi: a chi bisogna credere?

Credere in se stessi significa credere a se stessi, non credete?

Quando voi credete agli altri, soprattutto se siete influenzati da persone negative, potete perdere rapidamente fiducia e ritrovarvi in situazioni che non sono in sintonia con la vostra vera natura.

Quando credete a quello che vi dicono altre persone allora diventate schiavi e succubi dei loro stessi limiti. Invece di liberarvi dei vostri schemi mentali inefficaci, vi imprigionate ulteriormente con le catene mentali di persone che non credono nelle loro capacità. In questo modo permettere a queste persone di controllare la vostra esistenza!

Quando invece decidete di credere in voi stessi, riprendete in mano la votra vita personale e lavorativa. Quando capite che le critiche altrui sono solo delle opinioni frutto di proiezioni individuali o sociali, allora le critiche diventano come una goccia d’acqua che scivola sul vostro impermeabile. Diventate delle persone impenetrabili alla negatività quando capite che la vostra opinione di voi stessi è quella più importante di tutte le altre. Quando riuscite a concentrarvi sul vostro potenziale e vedete i vostri difetti come una parte migliorabile di voi stessi, tutto diventa possibile!

Quando farete questo fonderete le vostre decisioni sui vostri valori e il mondo di aprirà a voi. Se accettate l’idea che credere in se stessi significa prima di tutto credere a se stessi avete gia una base importante per capire come aumentare la ficucia in se stessi.

Fiducia in se stessi: i fattori responsabili della vostra autostima

Ma credere in se stessi diventa più semplice ed efficace quando rinforzate la vostra autostima ovvero quando vi rispettate e vi amate di più. Per amarvi e rispettarvi di più dovete prima di tutto accettarvi e apprezzarvi così come siete. Dovete apprezzare le vostre qualità e accettare le vostre imperfezioni senza giudicarvi continuamente. Dovete smetterla di essere il giudice della vostra personalità e dovete diventare l’avvocato di voi stessi. Dovete imparare quindi ad apprezzarvi e ad incoraggiarvi continuamente. Facendo così, imparete finalmente a raggiungere un altro fattore essenziale della fiducia in se stessi, ovvero lo stare bene con se stessi.

Pensateci un attimo, con chi vi sentite meglio, con delle persone che stanno sempre a criticarvi o con delle persone che si concentrano sugli aspetti più positivi della vostra personalità?

Come potete sentirvi fiduciosi in voi stessi se continuate a tormentarvi con delle critiche senza fine che non fanno altro che privarvi delle vostre energie e ridurre la vostra autostima?

Imparate a valorizzarvi e ad accettarvi, solo cosi potrete evolvere e cambiare quello che non vi piace!

Diventate l’avvocato di voi stessi, fondate le vostre decisioni sui vostri valori e riconoscete la magnificenza della vostra natura umana. Cercare la perfezione con una critica estrema vi porterà al fallimento! Credere in se stessi apprezzandosi e accettandosi completamente permette di riconoscersi completamente. Solo cosi i cambiamenti diventano delle sfide esaltanti e eccitanti!

Fiducia in se stessi: i due più grandi nemici

Se la fiducia in se stessi dipende dal credere in stessi e l’autostima dipende dal fatto di accettarsi completamente, perché a volte manchiamo di ficucia?

Questo succede soprattutto quando si valorizzano eccessivamente dei risultati insoddisfacenti o quando si dimenticano le realizzazioni.
La società nella quale viviamo tende contemporaneamente a punire eccessivamente le scarse performance e a rendere banali i buoni risultati. Con l’evoluzione delle nuove tecnologie informatiche questi processi si enfatizzano o si velocizzano. Non si ha nemmeno più il tempo di apprezzare un momento positivo che subito un’altra urgenza incombe e ci fa dimenticare che siamo persone eccezionali. Allo stesso tempo, quando le cose non vanno come dovrebbero, mille giudici appaiono accusandoci e mettendo a nudo sempre più le nostre imperfezioni.

Quando vi libererete da questi immensi fardelli allora avere fiducia in se stessi sarà ancora più semplice. Questi due fardelli sono ciò che la nostra società ha etichettato come successo e fallimento. Ecco i giudici più temibili per l’autostima e la fiducia in se stessi. Ecco i responsabili delle vostre paure e dei vostri dubbi. Ecco i due fattori che dovete imparare a rietichettare per riprendre il controllo della vostra vita e avere sempre più fiducia in voi stessi!

Quando imparerete che il successo e l’insuccesso sono solo un’interpretazione della realtà definita dagli altri, sarete pronti per diventare una vera persona di successo. Non parlo del successo come è definito dalla società nella quale viviamo. Parlo del successo personale, ovvero il successo che definite voi in funzione dei vostri valori e dei vostri obiettivi. Capirete come spesso quelli che vengono chiamati fallimenti, non sono altro che delle fasi indispensabili al vostro sviluppo personale. Quando imparete a utilizzare ogni evento della vostra vita a vostro vantaggio che si tratti di un fallimento o di un successo, riuscirete a raggiungere qualunque obiettivo.

Fiducia in se stessi: ah! l’avevo dimenticato… pero quest’altro me lo ricordo

Se vi chiedessi di elencarmi le vostre principali realizzazioni personali e lavorative, probabilmente avreste bisogno di un po di tempo per ricondarvelo. Se al contrario, vi chiedessi di rimemorare i vostri fallimenti, riuscireste più rapidamente a completare tutta la lista.

A volte si manca di fiducia per abitudine, o meglio per la brutta abitudine di pensare troppo alle cose che sono andate male e alla cattiva abitudine di dimenticare rapidamente tutte le nostre realizzazioni.

Dato che gli esseri umani sono generalmente più bravi a dimenticare i successi e a ricordarsi dei fallimenti, per avere più fiducia in se stessi, è necessario aiutare la nostra a mente a rompere queste due abitudini.

Usate un qualunque supporto, cartaceo o informatico per creare una lista aggiornata e esauriente dei vostri successi. Poi mettela in un posto che sia sempre visibile per voi. Fate poi una lista dei vostri insuccessi e scrivete che cosa avete imparato. Mettete questa seconda lista in un cassetto e rileggetela solo in caso di bisogno.

Facendo cosi imparerete a utilizzare il passato come un buon maestro, a vivere al meglio il vostro presente e a pianificare più serenamente il vostro futuro.

Riassumendo, la fiducia in se stessi dipende dall’ascoltare prima di tutto la vostra opinione. Credete maggiormente in voi stessi quando imparate ad amarvi e ad accettare ogni aspetto di voi stessi. Diventate gli artefici del vostro destino quando imparate a trarre profitto da qualunque evento della vostra esistenza. Vivete meglio quando prendete energia mentale concentrandovi sui nostri successi e usate il passato per costruire un futuro migliore.

Se avete bisogno di superare un momento di difficoltà o se desiderate prepararvi al meglio per affrontare un sfida importante, scriveteci passando per la nostra rubrica contattaci per un primo colloquio gratuito con un coach per rinforare la fiducia in se stessi.

Perché dovreste lavorare con un coach aumentare la fiducia in se stessi?

Perché la mancanza di fiducia in se stessi è la prima causa di fallimento professionale o personale ed è senza dubbio l’elemento decisivo che bisogna assolutamente padroneggiare se volete davvero avere successo nella vita.

Perché?

Perché quando il vostro livello di fiducia è basso sentite di avere meno controllo sulla vostra vita, infatti come dimostrato da (Coffeea et al., 2009; Gilbert e Malone, 1995) le persone con poca fiducia in se stesse tendono a vedere la loro vita come dipendente da forze esterne che hanno un impatto maggiore sulle loro vite rispetto alle loro decisioni.

Il livello di fiducia che avete nella vostra capacità di realizzare esattamente ciò che volete cambia costantemente e dipende dalla vostra capacità di avere successo nei vostri progetti personali e professionali.

Un coach può aiutarvi se state attraversando un momento difficile nella vostra vita personale o professionale e avete bisogno di aiuto per migliorare la vostra autostima. Poiché le sfide della vita sono molte, il coach ha sviluppato un metodo specifico per aiutarvi a superare i problemi nel lavoro e nella vita privata. Ecco alcuni esempi in cui un coach può aiutarvi:

  • Acquisire fiducia nel lavoro
  • Aumentare la fiducia in se stessi come imprenditori
  • Sentirsi sicuri nei colloqui di lavoro
  • Avere fiducia nella vostra relazione sentimentale
  • Imparare a dire di no agli altri quando è necessario
  • Vivere secondo i propri criteri di vita personali e professionali
  • Oltrepassare i vostri limiti
  • Essere sicuri del proprio aspetto
  • Avere fiducia con le donne o con gli uomini
  • Avere fiducia nella propria capacità di portare a termine progetti importanti
  • Sentirsi a proprio agio quando si incontrano nuove persone
  • Avere fiducia nelle relazioni
  • Eliminare l’influenza delle opinioni negative degli altri

Queste sono solo alcune delle difficoltà che potreste sperimentare nella vostra vita, ma un coach esperto in fiducia in se stessi può aiutarvi in molte altre situazioni.

Cos’è la fiducia in se stessi?

Secondo Perry (2011) la fiducia in se stessi è la misura percepita della fiducia nelle proprie capacità, la quale dipende dal contesto e dall’ambiente.

Questo significa che si possono avere diversi livelli di fiducia in se stessi a seconda della situazione e delle persone con le quali si interagisce.

Ciò che è importante ricordare in questa definizione è che si può aumentare la fiducia in se stessi:

  • agendo sul modo in cui si percepisce una data situazione
  • preparandosi ad agire meglio in un determinato contesto
  • agendo sulla propria convinzione di ciò che si pensa di poter realizzare

Il coaching della fiducia è davvero efficace?

Di sicuro no, se non siete abbastanza motivati per cambiare rapidamente la vostra vita!

Un coach eseprto in fiducia in se stessi non può intervenire al vostro posto e non può aiutarvi se non siete veramente pronti a cambiare adesso!

Ma se avete davvero deciso di vivere finalmente la vostra vita secondo le vostre condizioni, un coach può sicuramente aiutarvi a crearvi la vita che desiderate e che meritate.

Come funziona il coaching della fiducia?

Un coach per la fiducia facilita il vostro processo di cambiamento sviluppando con voi un piano d’azione e una strategia coerente con i vostri valori personali. In questo modo, il coach vi consentirà di diventare più efficaci concentrando tutte le vostre capacità nella direzione giusta.

Quanto costa il coaching?

Vi offriamo una sessione di confidence coaching online di 15 minuti per poter precisare i vostri obiettivi e permettervi di valutare al meglio il potenziale dei nostri servizi di coaching. Non esitate a contattarci per usufruire della vostra sessione gratuita di coaching.

Alcuni consigli pratici per migliorare la fiducia in se stessi e l’autostima

Ecco alcuni consigli pratici tratti dalla scienza e dalla mia esperienza nel coaching che vi aiuteranno a sviluppare la fiducia in voi stessi.

1 – Coltivate l’abitudine del dialogo interno positivo

La fiducia in se stessi è influenzata dal modo in cui comunichiamo con noi stessi, in altre parole il nostro dialogo interno.

Hatzigeorgiadis, Zourbanos, Mpoumpaki e Theodorakis (2008) mostrano che il dialogo interno può migliorare la fiducia in se stessi e ridurre l’ansia cognitiva. In particolare, il dialogo interno ha un effetto positivo sulla realizzazione delle attività, aumenta la fiducia in se stessi, riduce l’ansia cognitiva, e i cambiamenti nelle attività sono legati ai cambiamenti nella fiducia in se stessi. Secondo Johnson, Hrycaiko, Johnson e Hallas (2004) il fondamento del dialogo interno è che concentrarsi sul pensiero desiderato porta al comportamento desiderato.

Consiglio pratico: diventate consapevoli del vostro dialogo interno

Iniziate a diventare consapevoli di come comunicate con voi stessi. Fatelo sia per il dialogo interno positivo che per quello negativo. Ecco una tabella che potete completare per comprendere come utilizzare il dialogo interiore positivo a vostro vantaggio.

Completate questa tabella per ogni componente del dialogo interno positivo.

Per prima cosa, concentratevi su ciò che state già facendo bene, perché è importante per costruire l’autostima ed evitare l’autosabotaggio.

Poi, siate sinceri con voi stessi e identificate un’area specifica che potete iniziare a migliorare.

In seguito, assegnatevi un punteggio complessivo per tale capacità. Per esempio, se il vostro punteggio complessivo è 6, prefissatevi l’obiettivo di arrivare a 7 definendo ciò che dovete fare per raggiungere questo risultato.

Dopo aver identificato tale azione, programmatela nella vostra lista di cose da fare e poi nella vostra agenda e passate all’azione.

Infine, prendetevi un po’ di tempo per capire cosa avete imparato su voi stessi compiendo questa azione.

Per finire, ripetete la stessa procedura per tutti gli aspetti del dialogo interno positivo.

2 – Sviluppate la vostra disciplina

Owens (1993) mostra che le persone con più fiducia in se stesse tendono a valorizzare l’autocontrollo.

Se volete saperne di più su come migliorare il vostro autocontrollo, vi consiglio di leggere il mio articolo su come essere più disciplinati nella vostra vita: la guida definitiva.

Dal momento che diventare più disciplinati ha un effetto positivo sull’attuazione di comportamenti e risultati positivi, se migliorate il vostro autocontrollo, questo vi aiuterà anche a sviluppare la fiducia in voi stessi.

Consiglio pratico: identificate un’area della vostra vita nella quale volete diventare più disciplinati


Vi suggerisco di utilizzare la seguente tabella per iniziare a migliorare l’autodisciplina.

Dopo aver selezionato un’area specifica della vostra vita in cui volete diventare più disciplinati, iniziate con ciò che state già facendo bene.

Poi scrivete ciò che vorreste migliorare. Datevi un punteggio complessivo e fissate un obiettivo per passare da un 6 a un 7.

Infatti, concentrarsi su un piccolo miglioramento è molto più efficace che fissare un obiettivo troppo difficile da raggiungere.

L’importante qui è concentrarsi sul miglioramento e questo si tradurrà in un aumento della fiducia in se stessi.

Poi, identificate una o più azioni che vi permetteranno di raggiungere il vostro mini-obiettivo in modo rapido ed efficiente.

Pianificate questa azione nella vostra lista di cose da fare e nella vostra agenda. Se non sapete come usare una to-do list, vi suggerisco di leggere l’articolo come fare una to-do list efficace.

Per concludere, dedicate un po’ di tempo per diventare consapevoli di ciò che avete imparato su voi stessi e di come potete usare quanto avete imparato per acquisire maggiore sicurezza.

3 – Diventate consapevoli dei vostri talenti innati

Avete qualità uniche, capacità che vi caratterizzano e vi differenziano dalla maggior parte delle persone nel vostro ambiente lavorativo o privato.

Anche se credete di non avere qualità speciali e di essere una persona ordinaria, vi assicuro che lo pensate perché in realtà non vi conoscete abbastanza o perché tendete a minimizzare le vostre capacità e i vostri risultati.

Avete queste capacità, sono così radicate in voi che sono integrate nella vostra identità e personalità.

Un modo efficace per diventare consapevoli delle vostre capacità uniche è quello di utilizzare i pareri favorevoli delle persone più vicine a voi.

Pensate alle qualità che gli altri vi riconoscono, redigete una lista di queste qualità o caratteristiche senza tralasciare nulla.

Un altro modo per capire cosa vi rende speciali è pensare a tutte le cose che vi piace fare e che potete fare facilmente, senza sforzo e meglio degli altri.

Infine, potete concentrarvi sui risultati di cui siete orgogliosi.

Diventando consapevoli dei vostri talenti innati giorno per giorno, sarete in grado di aumentare l’autostima e la fiducia in voi stessi.

4 – Rendetevi conto dell’impatto della vostra identità

Durante il corso della propria vita, ogni persona sviluppa un’identità, ovvero un’idea:

  • di chi pensa di essere
  • di ciò che è in grado di realizzare
  • di quello che crede di meritare

L’identità è costituita da un insieme di credenze e regole che definiscono ciò che è possibile e giusto per una data persona.

Ogni individuo ha aspetti funzionali e disfunzionali della propria identità.

Quando avete convinzioni che vi aiutano ad uscire dalla vostra zona di comfort e regole che vi permettono di essere felici nella vostra vita, la vostra identità è positiva.

Al contrario, quando certe credenze limitano la vostra esistenza e certe regole personali vi fanno soffrire, ogni cosa nella vostra vita diventa più complicata.

Diventare consapevoli di questi fattori negativi è il punto di partenza di ogni cambiamento personale o lavorativo.

Ora capite che a volte la vostra mancanza di fiducia e bassa autostima dipende da certi aspetti della vostra identità che limitano l’espressione del vostro potenziale e la soddisfazione nella vostra vita.

5 – Usate il potere della visualizzazione a vostro vantaggio

Hanton e al. (2004) mostrano che la visualizzazione è una delle strategie più efficaci utilizzate dagli atleti per gestire il loro livello di fiducia.

Questi atleti utilizzano la loro immaginazione per gestire le loro emozioni, per concentrarsi su ciò che possono controllare, sui successi passati, o su fattori positivi che li rassicurano.

Se riscontrate un forte calo di fiducia in voi stessi è perché usate la visualizzazione per concentrarvi sulle vostre scarse prestazioni e risultati.

Di conseguenza, provate emozioni sgradevoli, vi sentite impotenti riguardo a ciò che vi sta accadendo, vi sentite stressati e iniziate a dubitare di voi stessi.

Fate come questi atleti!

Usa il vostro cervello a vostro vantaggio concentrandovi sui vostri successi passati, sui fattori della vostra vita che vi aiutano a gestire le vostre emozioni, sulle situazioni che potete controllare o influenzare.

In questo modo, proverete emozioni diverse, migliorerete il vostro dialogo interno, rafforzerete la vostra motivazione e riacquisterete la fiducia per continuare a compiere le giuste azioni necessarie alla vostra realizzazione.

Se non avete ancora sperimentato il successo in una determinata situazione, potete usare la vostra immaginazione per creare quel successo prima che avvenga nella realtà.

Una visualizzazione è uno strumento eccellente per costruire la fiducia in se stessi. In questo senso, Munroe-Chandler e al. (2008) mostrano che le immagini mentali o la visualizzazione aiutano a rafforzare la fiducia in se stessi.

Prima di affrontare una situazione rispetto alla quale avete dei dubbi o che vi stressa, potete iniziare a praticare la visualizzazione.

Definite il risultato che vorreste ottenere e ripetete la visualizzazione quotidiana nella quale agite esattamente come lo desiderate.

Cercate di vivere le emozioni che vorreste provare nella realtà.

Se non riuscite a visualizzare subito tutto alla perfezione, continuate a fare pratica e non mollate!

Inoltre, concentratevi su ciò che udite e su tutti gli altri sensi per rendere questa esperienza quanto più reale possibile.

Continuando a praticare questo esercizio, sarai in grado di integrare la visualizzazione alle vostre abitudini e di massimizzare le vostre probabilità di successo.

6 – Assicuratevi il sostegno di persone premurose

Avere un buon livello di fiducia in se stessi non dipende solo da fattori interni. Anche le persone intorno a voi possono influenzarvi positivamente o negativamente.

In questo senso, Rees e Freeman (2015) mostrano che il supporto degli altri riduce l’impatto negativo che lo stress ha sulla fiducia in se stessi.

In sintesi, la percezione del suppporto sociale e avere il sostegno degli altri aiuta a proteggere la fiducia in se stessi dagli effetti negativi dello stress.

Se volete mantenere un buon livello di fiducia in voi stessi, soprattutto nei momenti di forte stress, potete preparare una lista di persone che vi sostengano nella vostra vita personale o lavorativa e che vi aiutino ad affrontare i momenti più difficili.

7 – Focalizzatevi sui vostri progressi

Quando non avete fiducia in voi stessi, tendete a pensare ai vostri fallimenti, ai vostri difetti, ecc. Di conseguenza, avete la sensazione di aver fatto molti sforzi per niente.

Questo è esattamente il tipo di situazione che avete vissuto quando non siete riusciti a raggiungere uno dei vostri obiettivi nel tempo desiderato.

Per uscire da questa spirale negativa, è importante valutarsi in modo più obiettivo e benevolo e quindi smettere di giudicarsi.

Se cominciate a concentrarvi sui vostri progressi e su ciò che avete imparato su voi stessi, comincerete a provare emozioni più piacevoli.

Prima di tutto, congratulatevi con voi stessi per questo progresso.

In secondo luogo, perdonatevi per ciò che non ha funzionato come volevate.

Infine, mettete in atto un piano d’azione che vi permetterà di raggiungere il vostro obiettivo in un periodo di tempo più ragionevole.

Pianificate queste azioni nella vostra lista di cose da fare e nella vostra agenda, intraprendete queste azioni e fate del vostro meglio.

Siete pronti a passare all’azione?

Se volete avvalervi della competenza di un coach, scriveteci ora utilizzando il nostro modulo di contatto, chiamateci al +33 6 69 46 03 79 o contattateci su WhatsApp al +33 6 69 46 03 79.

Questo articolo è disponibile anche in altre lingue

English: Confidence coach

Français Coach confiance en soi : 7 conseils d’un coach en estime de soi